Progetto Scuola
IL RAPPORTO CON LE SCUOLE E LA COMUNITA’


SCUOLA

OBIETTIVI :
- favorire il benessere psico-fisico attraverso l’acquisizione di una nuova  consapevolezza
- promuovere le potenzialità necessarie a gestire le situazioni di agio/disagio
- acquisire abilità per stimolare l’individualità rispetto ad un contesto tendente alla massificazione
- stimolare l’attenzione alla potenzialità del pensiero, inteso come momento unico ed irripetibile dell’esistenza.

METODI:
- informazione-formazione-consulenze per educatori e studenti
- percorsi didattici
- formazione in gruppi di auto-aiuto
- costellazioni sistemiche familiari

“CHI NON TROVA IL TEMPO PER LA SALUTE DOVRA’ TROVARLO POI  PER LA MALATTIA”.

Questa frase,  letta  tanti anni fa, appiccicata sulla porta in legno di una vecchia baita in montagna, dove si raccoglievano gli aghi di pino mugo  per farne oli essenziali, mi ha toccata per la sua semplicità ed  immediatezza.
E questo profondo significato mi ha sempre seguita nella stesura ed elaborazione di progetti scolastici e comunitari, nella convinzione e necessità che bisogna agire per difendere la salute prima di perderla.
Un po’ come in Cina, dove i medici venivano licenziati quando un cliente stava male.

L’esperienza clinica maturata all’interno del Servizio per le Tossicodipendenze, sono state messe al servizio di un’attività preventiva fondata non sul disagio ma sul mantenimento del ben-essere :

1.CINQUE INCONTRI, UN APPUNTAMENTO CON LA SALUTE:
Formare gli educatori : un percorso  di crescita personale, tendente a dare a genitori ed insegnanti dignità e ascolto,    considerandoli individui in continua trasformazione, all’interno dei cicli vitali;
2.E I PADRI PERCHE’ NO ?:
una riflessione sulla paternità considerata più un fatto psicologico e culturale. La generazione fisica, a differenza della maternità, non basta ad assicurarla ;
3.VOGLIA DI ANDARE :
prevenzione degli incidenti stradali dall’uso improprio di motorino e     scooter, simboli di libertà per i pre-adolescenti ;
4.BALLO SI , SBALLO NO :
prevenzione dell’abuso di sostanze e del rischio di incidenti stradali causati  da ubriachezza ed alterazione della percezione;

COMUNITA’

5. I CINQUE ESERCIZI TIBETANI:
un percorso di crescita personale ,all’interno di un approccio olistico,che tratta i temi di conservazione della salute attraverso l’acquisizione di tecniche quali rilassamento, meditazione, floriterapia, collegamenti tra malattie e conflitti psichici, costellazioni familiari.

L’applicazione di quest’ultimo metodo è un processo in corso, ancora in via sperimentale, per la difficoltà dell’istituzione scuola ad affrontare  temi , ancora sconosciuti e comprensibilmente  diffidati.
Prioritario risulta educare gli educatori diffondendo le costellazioni attraverso seminari con gruppi eterogenei  dal momento che le costellazioni non si possono spiegare ma solo viverle.

Studio Michela Piu
Via Santa Lucia, 51 - 35139 Padova
michelapiu@hotmail.com